Il villaggio operaio in Italia: il caso di Villar Perosa

Politecnico di Torino Facoltà  di  Architettura   Anno accademico: 1999/2000   

Il villaggio operaio in Italia: il caso di Villar Perosa

Relatore: prof. Pio Luigi Brusasco       Candidata: Alessandra Godino

indice

Introduzione

 I Gli antecedenti in Europa

II I villaggi operai in Italia

III Il paternalismo a Villar Perosa

IV Il villaggio operaio di Villar Perosa

Bibliografia

la cooperativa ASTRA ha organizzato un incontro sulla storia del PCI di Torino

Venerdì 11 Febbraio ore 18:00 al Polo del ‘900 (via del Carmine 14, Torino)

la cooperativa ASTRA ha organizzato un incontro sulla storia del PCI di Torino

Il peccato – Il furore di Michelangelo su RAIPLAY

Il peccato – Il furore di Michelangelo

su RAIPLAY
Andrey Konchalovskiy racconta il genio inquieto di Michelangelo alle prese con due grandi lavori commissionati da mecenati rivali, i Medici e i Della Rovere. Un affresco realistico del Rinascimento e un ritratto in carne e ossa di un artista dalle mani sporche e le unghie rotte dal lavoro, ambizioso e scaltro, sempre in bilico tra la grazia divina e la voglia di primeggiare che non si ferma davanti a niente.
  • Regia: Andrey Konchalovskiy
  • Interpreti: Alberto Testone, Orso Maria Guerrini, Massimo De Francovich, Jakob Diehl, Francesco Gaudiello, Federico Vanni, Glen Blackhall, Anita Pititto, Antonio Gargiulo, Simone Toffanin
A Gibellina il Cretto di Burri

BURRI LA POESIA DELLA MATERIA

Una  mostra da non perdere

Una  bella mostra che permetterà di conoscere Burri e,  di comprendere le sue opere.

 

 

Scontri, cariche e uso dei manganelli da parte delle forze dell’ordine a Torino contro gli studenti

La protesta in memoria di Lorenzo Parelli, il 18enne morto durante l’alternanza scuola-lavoro

Protesta degli studenti contro l’alternanza scuola-lavoro questo venerdì mattina a Torino.

Il corteo in memoria di Lorenzo Parelli, il 18enne di Udine morto nel suo ultimo giorno di tirocinio per un corso di formazione professionale, è partito da piazza Alberobello è bloccato – da un cordone di polizia – già all’angolo con via Bertola. Scontri, cariche e uso dei manganelli da parte delle forze dell’ordine. Secondo gli studenti sono una ventina i giovani manifestanti contusi, alcuni portati via dall’ambulanza. Una ragazza è svenuta in seguito ad un trauma alla testa, altri sono stati medicati sul posto. I ragazzi hanno abbandonato, almeno per il momento , l’intenzione di muoversi in corteo e si stanno confrontando in assemblea.

E’ prevista  una  nuova manifestazione il prossimo venerdì 4 febbraio.

Il 27 gennaio del 1945 i soldati dell’Armata Rossa entrarono nel campo nazista

Il 27 gennaio del 1945 i soldati dell’Armata Rossa entrarono nel campo nazista: trovarono circa 7 mila prigionieri ed ebbero la conferma dell’uccisione di massa di centinaia di migliaia di persone

Le deportazioni a Torino

Il primo convoglio di prigionieri alla volta dei campi di concentramento partì dalla stazione il 13 gennaio 1944. Un secondo trasporto lasciò Torino il 18 febbraio 1944, con destinazione Mauthausen, dove arrivò il 21 febbraio. Compresi i prigionieri saliti a Milano, i deportati furono 122.

Nel marzo del 1944, partirono da Porta Nuova gruppi di deportati che vennero aggregati a trasporti formatisi in altre località, in particolare a Firenze e Bergamo. Si trattava soprattutto di operai piemontesi, toscani e lombardi, rastrellati dopo lo sciopero generale dell’inizio del mese. Il primo di questi convogli transitò per Fossoli.

Con molta probabilità anche alcuni ebrei piemontesi erano su questo treno. Il 27 giugno 1944 da Porta Nuova partì il primo convoglio dall’Italia verso  Ravensbrück e arrivò in Germania tre giorni dopo: vi si trovavano sopra, tra gli altri, 14 donne di cui 13 faranno ritorno. Dopo questa data i trasferimenti avvennero in pullman e partirono direttamente dai luoghi di detenzione.

Porta Nuova non fu solo luogo di partenza per i deportati, ma anche luogo di arrivo per i rari superstiti. Nel 1974 la città ha voluto ricordare i deportati torinesi partiti da qui con una lastra in rame incisa da Cagli e voluta dall’Associazione Nazionale ex Deportati nei campi nazisti.

Recita la lapide, posta sul lato arrivi di via Sacchi: “Partirono da questa stazione / i deportati politici per i campi di sterminio nazisti / A chi rimaneva lasciarono la consegna / di continuare la lotta contro il nazifascismo / per l’indipendenza e la libertà”

Museodiffuso Torino

“EPITAFFIO” DI PIERGIORGIO LONGATO

                                     Epitaffio*

                                 

                                     L’eterno riposo

                                           allo Stato ch’è nato

                                           dalla Resistenza

                                           ed ora agonizza

                                           stremato e umiliato

                                           dal dio Mercato.

                                           Riposi in pace.

                                           Una prece.

 

                                      Ei fu. Mai così immobile

                                      data la mortal deriva

                                      giace la spoglia immemore

                                      dell’epopea salvifica

                                      che democrazia portò

                                      al prezzo smisurato

                                      del sangue versato

                                      da valenti indomiti

                                      per il sommo èmpito

                                      di pace e libertà.

 

                                      Ei fu. Un dì dal Parlamento,

                                      procellosa e trepida,

                                      sgorgò d’un gran disegno

                                      la gioia e l’ansia ardita

                                      di cambiar le regole

                                      (col pensiero al regno)

                                      all’elettoral partita

                                      così d’avere un premio

                                      ch’era follia sperar …

                           

                                      Ma quali bachi ascosi

                                      tenea in sé quel premio

                                      che la Suprema Corte

                                      a raffica affossò?

                                      Premi di maggioranza,

                                      liste di nominati,

                                      artifizi ben approntati

                                      per falsar rappresentanza

                                      e piu’ vasta orma stampar

                                      imperitura sull’altar

                                      Ei fu. Poi nientemeno

                                      sull’italico stivale

                                      apparve l’uom fatale,

                                      strale a ciel sereno:

                                      è l’uovo del serpente,

                                      intriso d’arroganza,

                                      superbia e tracotanza,

                                      che a piè sospinto mente

                                      su mafie e loschi affari

                                      masson-postribolari.

                                      Eppur non tutto ei provò:

                                      la gloria ed il periglio

                                      ma non ancor l’esiglio

                                      né le sbarre assaggiò.

                                      Del Signor l’Unto ei si nomò:

                                      e l’Italia attonita

                                      e muta al nunzio restò…

                                      ma poi svariate volte

                                      nell’urna lo votò

                                      ed a Palazzo Chigi …

                                      gaudente ritornò!

                                                                      

                                      Ei fu. Nui chiniam la fronte

                                      in riva al Mare Nostrum

                                      ove di tanta speme

                                      è affondato il rantolo

                                      trascinando seco

                                      i vuoti e bolsi moniti

                                      che sempiterni calano

                                      da immeritati scranni

                                      colpevolmente avulsi

                                      dal testo fondativo

                                      che senza dubbio alcuno

                                      scolpisce nella pietra

                                      che se sul capo al naufrago

                                      l’onda s’avvolve e pesa

                                      con fraterno afflato

                                      e pietà profonda

                                      s’affrettano le prode

                                      il misero a salvar;

                                      e sia bestemmia infame

                                      la cella al salvator!

                                      Ei fu. L’anno passato

                                      a COVID imperante,

                                      quasi in un istante,

                                      è stato esautorato

                                      l’organo sovrano:

                                      con un colpo di mano?

                                      Congiura di Palazzo

                                      di un fiorentino pazzo?

                                      Cambio di potere

                                      all’ombra di un banchiere?

                                 

                                      Ci fu codardo oltraggio

                                      (al popolo votante)?

                                      O solo servo encomio

                                      (al Mercato imperante)?

                                      Ai posteri l’ardua sentenza.

                                      Usi ad obbedir tacendo

                                      chinammo nui la fronte

                                      non al Massimo Fattor

                                      ma al terrestre Miglior

                                      che da piu’ superba altezza

                                      il gregge pasce e svezza …

                                      E cadde a tanto strazio

                                      lo spirto de’ nostri tempi

                                      sì vuoti, tristi ed empi

                                      da pagar fio e dazio

                                      pei secoli a venir

                                      (cosa assai trista a dir …)

                                      Venga una man dal cielo

                                      che provvida e pietosa

                                      dalle stanche ceneri

                                      in piu’ spirabil aere

                                      l’anime nostre rechi.

*Nota.

Il linguaggio, lo stile e  -in parte – la metrica ricalcano la celebre ode manzoniana (detto piu’ volgarmente: scopiazzano):  con tutta evidenza si tratta di un escamotage, spero compreso e non irriso, per veicolare contenuti tutt’altro che goliardici o spensierati.

 

Piergiorgio Longato è tra i soci fondatori di “Volere la luna”, fino all’anno scorso  responsabile di una Biblioteca civica nell’area metropolitana torinese.  Dagli anni ’70 del secolo scorso impegnato nelle lotte ambientaliste, antinucleari e pacifiste.

La cura è di Casa: un confronto sul welfare di prossimità

Informazioni sull’evento

LA CURA E’ DI CASA. Un confronto sul welfare di prossimità

Giovedì 3 Febbraio 2022, ore 17.30 al Cecchi Point – via Antonio Cecchi 17, Torino

Il welfare di prossimità può rappresentare un sistema capace di affrontare le sfide del futuro? Quali metodologie possiamo condividere? Quali le criticità da affrontare?

Con l’occasione di presentare il progetto Take Care – la cura è di Casa, ci si propone di partecipare al dibattito su forme alternative e praticabili di welfare, raccontando le diverse esperienze sperimentate a Torino.

Il progetto si inserisce nell’esperienza della Rete Torino Solidale, promossa da Città di Torino per contrastare le criticità innescate dall’emergenza sanitaria Covid-19. Gli snodi hanno assicurato raccolta, stoccaggio e consegna di beni alimentari e di prima necessità a famiglie in difficoltà, lavorando come facilitatori e attivatori di reti tra soggetti locali, associazioni e abitanti.

Take Care – la cura è di Casa rappresenta una rete territoriale di ascolto, cura e cittadinanza attiva per migliorare il benessere di persone e famiglie; un progetto a cura di Rete delle Case del Quartiere APS con il sostegno di Unione Buddhista Italiana, in collaborazione con le Case del Quartiere e Patchanka s.c.s.

Il progetto sostiene l’avvio e il rafforzamento di 8 presidi sociali di welfare di prossimità, presso ciascuna Casa del Quartiere, e la strutturazione di reti di enti locali finalizzate al contrasto di povertà e fragilità sociale, con attenzione all’accompagnamento di famiglie con minori nella fascia 0-18 anni. Take Care coinvolge insieme alle 8 Case del Quartiere, le rispettive reti composte da oltre 100 enti (non profit e privati) che lavorano insieme per favorire la ricostruzione di legami, valorizzando dimensione comunitaria e risorse locali.

Intervengono:

– Elena Seishin Viviani Vicepresidente Unione Buddhista Italiana

– Ivano Abbruzzi Presidente Impresa Sociale Progetto Mirasole e Coordinatore progetto Cuore Visconteo

– Jacopo Rosatelli Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Torino

– Monica Lo Cascio Direttrice Divisione Servizi Sociali, Socio Sanitari, Abitativi e Lavoro

– Roberto Arnaudo Direttore Rete delle Case del Quartiere APS

– Massimo Conte Presidente Cooperativa CODICI | Ricerca e intervento

– Antonella Meo Sociologa e Prof.ssa associata Dipartimento di Culture, Politica e Società – Università di Torino

Segue aperitivo a cura di Al Cecchi – Piola oltre frontiera di Cooperativa Sociale Raggio.

* Ingresso libero previa iscrizione su eventbrite. Per l’ingresso è richiesto il green pass rafforzato. Sarà possibile seguire la diretta facebook sulla pagina Rete delle Case del Quartiere.