Articoli categoria: In primo piano

STEFANO LO RUSSO É IL NUOVO SINDACO DI TORINO

STEFANO LO RUSSO è il nuovo sindaco di TORINO.

 

Al-Comune (popolazione legale) Sindaco eletto Coalizione
Arquata Scrivia (6.068) Alberto Basso Viviamo Arquata
Borgo San Martino (1.470) Fabio Zavattaro Bsm il Borgo Che Vorrei
Casal Cermelli (1.235) Antonella Cermelli Il Paese Che Vogliamo
Castellazzo Bormida (4.566) Gianfranco Ferraris Ferraris Gianfranco detto Gil
Castelnuovo Bormida (680) Giovanni Roggero Progredire Insieme
Castelnuovo Scrivia (5.414) Gianni Tagliani Insieme per Castelnuovo
Castelspina (422) Claudio Mussi Spighe e Grappolo d’Uva
Cella Monte (528) Maurizio Deevasis Uniti per Cella Monte
Cerrina Monferrato (*(1.495) Marco Cornaglia Cerrina Monferrato in Comune
Isola Sant’Antonio (734) Cristian Scotti L.C. Campanile
Merana (185) Angelo Gallo Risorgimento Rurale
Monleale (593) Paola Massa Insieme per Monleale
Montecastello (324) Gianluca Penna Vivere Montecastello
Morbello (408) Alessandro Vacca Impegno e Collaborazione
Odalengo Grande (487) Fabio Olivero Per Un Nuovo Odalengo Grande
Olivola (123) Gianmanuele Grossi Torre con Ramo d’Ulivo
Pontecurone (3.850) Giovanni Valentino D’Amico Pontecurone per Noi
Ponti (618) Antonella Guseppina Poggio Insieme per Ponti
San Salvatore Monferrato (4.449) Corrado Tagliabue San Salvatore Insieme
Sant’Agata Fossili (441) Diego Camatti Uniti per Sant’Agata
Terzo (907) Maurizio Solferini #per Terzo
AT Comune (popolazione legale) Sindaco eletto Coalizione
Casorzo (657) Ivana Mussa Sì Amo Casorzo
Castelnuovo Belbo (895) Aldo Allineri Castelnuovo Belbo Nel Cuore
Cortanze (288) Marco Gattiglia Rinnovamento Sviluppo
Nizza Monferrato (10.372) Simone Nosenzo Cambiamo Nizza
Olmo Gentile (90) Giuseppina Aramini Il Campanile
Piovà Massaia (680) Antonello Murgia Insieme per Piovà
Quaranti (184) Giuseppe Pigella Insieme per Quaranti
Roatto (374) Bruno Colombo Roatto Nel Cuore
Rocca d’Arazzo (*(944) Laura Fontana Un Paese Ci Vuole
San Paolo Solbrito (1.197) Luca Panetta Impegno e Solidarietà
Scurzolengo (596) Gianni Maiocco Per L’Amore del Paese
BI -Comune (popolazione legale) Sindaco eletto Coalizione
Campiglia Cervo (528) Maurizio Piatti Per la Bursch
Castelletto Cervo (880) Omar Giletti Idee in Comune
Coggiola (1.996) Paolo Setti Noi a Coggiola
Dorzano (508) Sergio Gusulfino Il Campanile
Lessona (2.835) Simone Cambiè Rinnovamento
Rosazza (87) Francesca Delmastro Delle Vedove #ricostruiamo Rosazza
Veglio (566) Nicola Marzolla Giovani X Veglio
Zumaglia (1.129) Edoardo De Faveri Noi con Voi per Zumaglia
cn -Comune (popolazione legale) Sindaco eletto Coalizione
Barbaresco (677) Mario Zoppi Barbaresco è Presente
Caramagna Piemonte (3.032) Francesco Emanuel Caramagna Domani
Casalgrasso (1.448) Giovanni Donetto Insieme Possiamo
Casteldelfino (179) Domenico Amorisco SI Amo Casteldelfino
Cavallermaggiore (5.472) Davide Sannazzaro Cavallermaggiore Viva
Crissolo (172) Fabrizio Re Stelle Alpine
Dronero (7.205) Mauro Astesano Vivi Dronero
Entracque (807) Gian Pietro Matteo Pepino Entracque Lavoriamo Insieme
Frassino (290) Roberto Ellena Uniti per il Futuro di Frassino
Grinzane Cavour (1.938) Gianfranco Garau Grinzane al Centro
Lequio Tanaro (819) Giuseppe Trossarello Siamo Lequio
Martiniana Po (781) Valderico Berardo Martinianesi per il Cambiamento
Melle (326) Giovanni Fina Due Stelle Alpine
Monesiglio (712) Giuseppe Galliano Noi Siamo Voi
Montaldo Roero (872) Fulvio Coraglia Crescere Insieme
Nucetto (432) Enzo Dho Nucetto Unito
Pezzolo Valle Uzzone (354) Gianni Balbiano Stretta di Mano
Pontechianale (+(182) Andreino Allasina Tradizione e Innovazione
Prazzo (175) Gabriele Lice Prazzo Insieme Domani
Prunetto (471) Luigi Costa Orizzonti Nuovi
Roccaforte Mondovì (2.148) Paolo Bongiovanni Insieme SI Può
Roddi (1.546) Roberto Davico Insieme per Roddi
Sampeyre (1.069) Roberto Dadone Comunità e Sviluppo Sostenibile
Santo Stefano Roero (*(1.407) Giuseppina Facco Viviamo Santo Stefano Roero
Valdieri (924) Guido Giordana Con Te per il Paese
Vinadio (684) Giuseppe Pietro Cornara Insieme per Vinadio
no-

Comune (popolazione legale)

Sindaco eletto Coalizione
Borgo Ticino (4.929) Alessandro Marchese Borgo Insieme
Casaleggio Novara (930) Isabella Demarchi Tradizione e Futuro
Comignago (1.223) Daniele Potenza Vivere Comignago
Dormelletto (2.643) Lorena Vedovato Il Paese Che Vogliamo
Granozzo con Monticello (1.432) Paolo Paglino Rinnovamento e Partecipazione
Lesa (*(2.236) Angelo Luca Bona L.C. per Lesa
Mezzomerico (1.176) Pietro Mattachini Uniti per Mezzomerico
Nebbiuno (1.856) Fabrizio Favino Obiettivo Comune
Nibbiola (792) Pierfrancesco Agnesina Nibbiola Che Vogliamo
NOVARA (101.952) Alessandro Canelli Lega Salvini Piemonte, Fratelli d’Italia, Forza Italia-Federazione Democristiana Unione di Centro, Forza Novara
Pettenasco (1.368) Mauro Romagnoli Percorso Comune
Pombia (2.182) Nicola Arlunno Per Pombia
San Nazzaro Sesia (690) Dario Delbò Badia Innovazione e Tradizione
San Pietro Mosezzo (1.996) Giuseppe Brognoli Collaborazione e Sviluppo
Soriso (781) Felice Monti Soriso Viva Vivi Soriso
Suno (2.808) Riccardo Giuliani Tutti per Suno
Trecate (19.856) Federico Binatti Trecate Moderata Canetta, Lega Salvini Piemonte, Crivelli Civici per Trecate, Forza Italia, Canetta, Fratelli d’Italia, Trecate Futura Canetta, Binatti Sindaco
Varallo Pombia (*(5.004) Joshua Carlomagno Varallo Pombia Insieme
to -Comune (popolazione legale) Sindaco eletto Coalizione
Albiano d’Ivrea (1.791) Venerina Tezzon Futuro Insieme
Baldissero Torinese (3.783) Piero Cordero Progetto Baldissero 2031
Bardonecchia (3.212) Chiara Rossetti Bardonecchia Sempre
Beinasco (*(18.104) Daniel Cannati Lega Salvini Piemonte, Una Nuova Stagione, Fratelli d’Italia, Forza Italia
Bollengo (2.112) Luigi Sergio Ricca Vivere Bollengo
Borgomasino (*(835) Antonella Giovanna Pasquale Per Borgomasino
Brosso (460) Anna Serafina Vigliermo Brusso Caro Brosso
Brusasco (1.726) Giulio Bosso Progettiamo per Crescere
Bruzolo (*(1.545) Roberto Barbon Vivere Bruzolo
Cambiano (6.215) Carlo Vergnano Cambiano Insieme
Caravino (*(995) Adriano Siletti Per Caravino e Masino
Carignano (9.156) Giorgio Albertino Insieme per Carignano
Carmagnola (28.563) Ivana Gaveglio Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lega Salvini Piemonte, Continuità Civica, Carmagnola Bellissima
Ceres (1.056) Davide Eboli Vecchio Campanile
Ciriè (18.415) Loredana Devietti Goggia Ciriè Nel Cuore, Più Ciriè, Viviamo Ciriè !
Cuceglio (997) Antonino Iuculano Mamao La Rinascita di Cuceglio
Cuorgnè (10.084) Giovanna Cresto Cuorgnè al Centro
Feletto (2.269) Maria Cristina Ferrero A Piccoli Passi Tradizione e Innovazione
Fiano (2.713) Luca Casale Progetto in Comune Casale
Frassinetto (272) Marco Pietro Bonatto Marchello Insieme per Frassinetto
Gravere (715) Piero Franco Nurisso Gravere 21/26
Lanzo Torinese (5.150) Fabrizio Vottero Bernardina SI Amo Lanzo
Lemie (189) Daniele Gabriele Insieme per Lemie
Lusigliè (556) Angelo Marasca Rinnovamento Partecipazione Solidarietà
Massello (58) Enrico Boetto Vita Natura Cultura
Mompantero (651) Davide Gastaldo Un Futuro a Mompantero
Montaldo Torinese (749) Sergio Gaiotti Viva Montaldo Comunità
Nichelino (47.851) Giampietro Tolardo Comunisti Nichelino, Nichelino in Comune, Moderati, Tolardo Sindaco, Partito Democratico, Nichelino Coraggiosa, Chreo Nichelino
Noasca (169) Domenico Aimonino Noasca Siamo Noi
Ozegna (1.235) Sergio Bartoli Trasparenza e Futuro
Pertusio (773) Giuseppe Antonio Damini Pertusio con Noi
Pianezza (14.169) Roberto Signoriello Insieme per Pianezza
Pinerolo (34.854) Luca Salvai Pinerolo a Sinistra, La Città Cresce, Movimento 5 Stelle, Pinerolo Coraggiosa
Pino Torinese (8.481) Alessandra Tosi Ulivo e Indipendenti per Pino
Porte (1.113) Simone Gay Un Progetto per Porte
Rivalta di Torino (*(19.245) Sergio Muro Rivalta Bene Comune, Insieme con Muro, Sinistra Civica Ecologista, Partito Democratico
Ronco Canavese (313) Lorenzo Giacomino Plo Pais Ronc De De M An
San Mauro Torinese (18.925) Giulia Guazzora Partito Democratico, Giulia Guazzora Sindaca, Impegno per San Mauro
Settimo Rottaro (503) Massimo Ottogalli Un Comune Una Comunità
TORINO (872.367) Stefano Lo Russo Moderati, Sinistra Ecologista, Partito Democratico, L.C. lo Russo Sindaco, Articolo Uno-Partito Socialista Italiano, Torino Domani
Trofarello (10.911) Stefano Napoletano Insieme la Persona al Centro
Volpiano (14.998) Giovanni Panichelli Uniti per Volpiano
vb -Comune (popolazione legale) Sindaco eletto Coalizione
Domodossola (18.175) Fortunato Lucio Pizzi Lucio Pizzi Sindaco
Macugnaga (601) Alessandro Bonacci Macugnaga
Premosello-Chiovenda (+(2.034) Elio Fovanna Premosello Chiovenda Punto e a Capo
Quarna Sotto (420) Gian Mario Trapletti Avventura Comune
Trasquera (211) Geremia Magliocco Insieme per Trasquera
vc –

Comune (popolazione legale)

Sindaco eletto Coalizione
Albano Vercellese (334) Massimiliano Zarattini Insieme per Albano
Arborio (909) Annalisa Ferrarotti Andiamo Avanti per Arborio
Balmuccia (94) Moreno Uffredi Insieme per Balmuccia
Boccioleto (219) Walter Fiorone Il Ponte … Uniti SI Può !
Borgo d’Ale (2.588) Pier Mauro Andorno Guardiamo Avanti
Borgo Vercelli (2.295) Mario Demagistri Insieme per Borgovercelli
Cravagliana (278) Luca Debernardi Cravagliana Consapevole
Fontanetto Po (1.203) Riccardo Vallino Insieme per Fontanetto Po 2021-2026
Gattinara (8.272) Maria Vittoria Casazza Gattinara Uniti SI Vince
Greggio (382) Claudio Trada Greggio 2.0
Lamporo (546) Claudio Preti Viviamo Lamporo
Lozzolo (819) Roberto Sella Viviamo Lozzolo
Piode (193) Davide Ferraris Uniti per Piode
Postua (594) Rosa Donatella D’Alberto Postua Futura
Prarolo (672) Umberto Guglielmotti Uniti per Prarolo
Quinto Vercellese (400) Giuseppe Ghisio Per Quinto
Rossa (194) Alex Rotta Costruiamo il Futuro
San Germano Vercellese (*(1.768) Gianni Mentigazzi San Germano Merita
Santhià (8.825) Angela Ariotti Impegno per Santhià
Valduggia (2.117) Luca Chiara Noi per Valduggia
Vocca (162) Giacomo Gagliardini Per Vocca

 

Volere la Luna aderisce alla manifestazione antifascista indetta dalla CGIL per sabato 16 ottobre

Volere la Luna aderisce alla manifestazione antifascista indetta dalla CGIL per sabato 16 ottobre

 

 

I manganelli, l’assalto alla sede della CGIL, le devastazioni rimandano allo scenario che, un secolo fa, caratterizzò la resistibile ascesa del fascismo.

Lo sapevamo. E da tempo abbiamo denunciato, insieme allo squadrismo crescente, il sottofondo nero della destra italiana. Ce lo hanno insegnato centinaia di fatti “scandalosi”, troppo spesso derubricati a episodi “di colore”, bizzarrie personali, macchiette inoffensive dagli stessi giornali che pubblicavano la notizia. Quante braccia alzate nel saluto romano da parte di assessori o consiglieri comunali e regionali o dirigenti di partito abbiamo visto, nei comizi dei leader, nelle celebrazioni delle foibe, nelle stesse sale consiliari. Quanti appellativi di “camerata!”. Quante proposte di intestazione di vie, piazze, giardini a esponenti del regime. Ancora le recenti elezioni amministrative sono state occasione di conferma di quel costume diffuso, da Torino a Trieste, da Roma alla Calabria.

A fronte di ciò sono inammissibili le sottovalutazioni, i distinguo, le rimozioni, gli ammiccamenti di molti, non solo nella destra. E indigna la doppiezza dei fascisti in doppiopetto e dei loro alleati che evocano opposti estremismi assimilando realtà tra loro incomparabili, evitano di chiamare gli squadristi con il loro nome e fingono di dimenticare che il fascismo – neo, para o post che sia – non ha diritto di cittadinanza nella Repubblica e non può, per ragioni storiche, politiche ed etiche, godere delle libertà costituzionali.

Scandalizzarsi per la violenza fascista, per l’esposizione di simboli di morte, per i rigurgiti razzisti è necessario ma non basta. Occorrono una mobilitazione e un’azione di contrasto sul piano culturale, scelte politiche tese a realizzare il progetto costituzionale di eguaglianza ed emancipazione, applicazione rigorosa delle leggi che vietano la ricostituzione, in ogni forma, del partito fascista.

Con questo spirito e con questi obiettivi aderiamo alla manifestazione di sabato 16 ottobre indetta dalla CGIL. Ci saremo, convinti che l’indifferenza, oggi più che mai, sia complicità.

Torino, 12 ottobre 2021                                                                       Volere la Luna

Domenica 17 ottobre/ Lunedì 18 ottobre – via Trivero 16, Torino Due serate da Volere la Luna

Due serate imperdibili, da Volere la Luna (mailchi.mp)

Domenica 17/10 dalle 19.30,  via Trivero 16, Torino.

Vogliamo incontrarvi per restituirvi un pezzo di quello che abbiamo visto, incontrato in questi mesi; grazie al vostro aiuto ed alle cene abbiamo la possibilità di continuare a camminare insieme per rivendicare diritti per il Popolo migrante, verità e giustizia per le famiglie degli scomparsi, per combattere il sistema europeo di morte alle frontiere.

Vi aspettiamo per condividere questo momento di racconti, di lotta per nutrirci con il vostro supporto e le sfiziose pietanze preparate dai mitici Fornelli in Lotta:

MENÙ*
*alternativa vegana su richiesta

Zuppa rustica
Flan di zucca con crema di piselli
Knelle di patè di formaggio
Verdure di stagione
“Prus al vin”
Vino e caffè

Offerta minima: €20

Prenotazioni entro il 15/10 su whatsapp al +39 3494717896 o scrivendo a
carovanemigranti@gmail.com

 

Lunedì 18 ottobre ore 20.30, Libera Biblioteca Trivero.
Volere la Luna, Via Trivero 16, Torino

La Scugnizzeria è la Casa degli Scugnizzi, un luogo dove la porta è sempre aperta. 140 mq di rivoluzione in periferia, tra Scampia e Melito.
La Scugnizzeria è una moltitudine, è una bottega, un bazar, una Piazza di Spaccio Creativa.

La prima enolibreria dell’area nord di Napoli. Dove si vendono libri di case editrici indipendenti, ma anche vino locale, miele artigianale, riso, prodotti tipici artigianali, audiolibri, ebook, cd musicali e vinili e bomboniere solidali. Un luogo dove trovare oggetti creativi low cost. I nostri pusher non aspettano altro che vendere la prossima dose di creatività, orgogliosamente Made in Scampia.

 

 

 

ALLA CAMERA DEL LAVORO DI TORINO IL PRESIDIO ANTIFASCISTA E DEMOCRATICO

“Il fascismo non è un’opinione, è un crimine. Attaccare le Camere de Lavoro non è attaccare la Cgil ma tutte le persone che lavorano e che hanno bisogno di lavorare per vivere”. Così la Segretaria Generale della Cgil di Torino, Enrica Valfrè, al presidio davanti alla sede di via Pedrotti dove tantissime persone hanno risposto all’appello per testimoniare solidarietà, in risposta all’attacco squadrista di ieri alla sede della Cgil Nazionale. “Oggi siamo qui ma le nostre sedi sono aperte sempre e lo saranno sempre più: questa è la risposta alle organizzazioni che si richiamano al fascismo e che bisogna dichiarare illegali, per fare rispettare i valori più profondi della nostra Costituzione”

Aiutiamo Mimmo Lucano e gli altri condannati a sostenere il peso economico del risarcimento richiesto

Dopo la condanna abnorme a 13 anni e due mesi di carcere e oltre 750 mila euro di risarcimento, associazioni, intellettuali, artisti si mobilitano per Mimmo Lucano. A sostegno dell’ex sindaco di Riace è stata lanciata una raccolta fondi e una manifestazione che si svolgerà giovedì a Roma. «Attenderemo le motivazioni della sentenza e l’esito dei successivi gradi di giudizio, ma la vicenda presenta tutti i contorni di una punizione esemplare per una certa idea di accoglienza dei migranti. E sanziona in modo pesantissimo illeciti, se tali fossero, non “contro” l’umanità, ma “per” umanità», scrive in un appello l’associazione A Buon Diritto, promotrice  dell’iniziativa di crowdfunding. «In attesa del processo di appello che – ci auguriamo – saprà restituire equilibrio e misura all’esercizio della giustizia nei confronti del “modello Riace”, qualcosa intanto possiamo fare: aiutare Mimmo Lucano e gli altri condannati a sostenere il peso economico del risarcimento richiesto. E, qualora un successivo grado di giudizio vorrà ricondurre la sanzione a più ragionevoli criteri, destineremo la somma raccolta a progetti di accoglienza in quello stesso territorio», annuncia A Buon Diritto. «Per chi voglia contribuire, ecco i dati:

A Buon Diritto Onlus Banco di Sardegna Causale. “Per Mimmo”.
IBAN: IT55E0101503200000070333347».

E sotto lo slogan “L’abuso di umanità non è reato”, giovedì 7 ottobre alle ore 17.30, associazioni, rappresentanti del mondo della cultura e della politica danno appuntamento davanti a Montecitorio per una manifestazione dal titolo “Modello Mimmo”promossa, tra gli altri da: Eugenio Mazzarella, Luigi Manconi, Riccardo Magi, Sandro Veronesi e la Rete Io Accolgo con Acli, Caritas, Arci, Cgil, Legambiente, Campagna ero straniero, Saltamuri, Cnca, Centro Astalli, AOI. Al sit in hanno già aderito: Dacia Maraini, Alessandro Bergonzoni, Elena Stancanelli, Maurizio de Giovanni, Michela Murgia, Monica Guerritore, Massimo Cacciari, Vittoria Fiorelli, Erri De Luca, Sonia Bergamasco, Moni Ovadia, Donatella Di Cesare, Francesco Merlo, Mauro Magatti, Fabrizio Gifuni, Ascanio Celestini, Luigi Ferrajoli, Roberto Esposito,
Massimo Villone, Paolo Corsini, Roberto Zaccaria, Marino Sinibaldi, Lucio Romano, Luca Zevi, Gad Lerner, Domenico Procacci, Luciana Littizzetto, Vinicio Capossela, Caterina Bonvicini, Teresa Ciabatti, Roberto Sessa, Kasia Smutniak, Carlo Degli Esposti, Nora Barbieri, Paolo Virzì, Alessandro Gassmann, Edoardo De Angelis, Mimmo Paladino, Ferzan Ozpetek, Guido Maria Brera, Edoardo Nesi, Pierfrancesco Favino, Francesca Archibugi, Giovanni Veronesi.

 

 

Torino, presidio in piazza Castello per Mimmo Lucano

Sotto la Prefettura, in piazza Castello, oggi 5 ottobre centinaia di persone con bandiere e cartelli hanno manifestato in solidarietà all’ex sindaco, Mimmo Lucano, contro l’iniqua  sentenza.

 

Solidarietà a Mimmo Lucano – presidio a Torino martedì 5 ottobre alle 17,30 in Piazza Castello sotto la Prefettura. Volerelaluna ci sarà

Mimmo Lucano, già sindaco di Riace, è stato condannato dal Tribunale di Locri alla pena di 13 anni e 2 mesi di reclusione per una serie impressionante di delitti (associazione a delinquere, abuso d’ufficio, truffa in danno dello Stato, peculato, falsità ideologica, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e chi più ne ha più ne metta). Risuonano forti le parole di Piero Calamandrei, pronunciate davanti al Tribunale di Palermo il 30 marzo 1956 in difesa di Danilo Dolci, arrestato mentre guidava un gruppo di braccianti a lavorare in una strada di Partinico abbandonata all’incuria: «Questa è la maledizione secolare che grava sull’Italia: il popolo […] ha sempre sentito lo Stato come un nemico. Lo Stato rappresenta agli occhi della povera gente la dominazione. Può cambiare il signore che domina, ma la signoria resta: dello straniero, della nobiltà, dei grandi capitalisti, della burocrazia. Finora lo Stato non è mai apparso alla povera gente come lo Stato del popolo». Sono passati, da allora, 65 anni ma la condanna di Mimmo Lucano mostra che, sul punto, assai poco è cambiato. Ancora una volta – come spesso mi accade ‒ è una “giustizia” in cui non mi riconosco.

Le sentenze non si valutano in base all’utilità contingente o al gradimento soggettivo ma alla luce della loro conformità ai principi costituzionali, alle regole del diritto e alle risultanze processuali. Ed è proprio questa conformità che manca nel caso di specie, in cui c’è l’amaro gusto di una sentenza già scritta sin dalle prime battute.

Dall’articolo di Livio Pepino pubblicato  il 1 ottobre sul nostro blog.

scendiamo in piazza per MIMMO

Mimmo Lucano, già sindaco di Riace, è stato condannato dal Tribunale di Locri alla pena di 13 anni e 2 mesi di reclusione per una serie impressionante di delitti (associazione a delinquere, abuso d’ufficio, truffa in danno dello Stato, peculato, falsità ideologica, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e chi più ne ha più ne metta). Risuonano forti le parole di Piero Calamandrei, pronunciate davanti al Tribunale di Palermo il 30 marzo 1956 in difesa di Danilo Dolci, arrestato mentre guidava un gruppo di braccianti a lavorare in una strada di Partinico abbandonata all’incuria: «Questa è la maledizione secolare che grava sull’Italia: il popolo […] ha sempre sentito lo Stato come un nemico. Lo Stato rappresenta agli occhi della povera gente la dominazione. Può cambiare il signore che domina, ma la signoria resta: dello straniero, della nobiltà, dei grandi capitalisti, della burocrazia. Finora lo Stato non è mai apparso alla povera gente come lo Stato del popolo». Sono passati, da allora, 65 anni ma la condanna di Mimmo Lucano mostra che, sul punto, assai poco è cambiato. Ancora una volta – come spesso mi accade ‒ è una “giustizia” in cui non mi riconosco.

Diritto alla casa: FACCIAMO COME A BERLINO ! di Giustino Scotto D’Aniello

Negli ultimi tempi, scorrendo i titoli prodotti dalle maggiori testate italiane, scorgiamo nuova attenzione per la “questione abitativa”, tra queste, per esempio:

La Stampa di Torino in data 27/9/2021, “Arrivano 3000 sfratti in provincia di Torino: Una bomba sociale pronta a esplodere”;

La Repubblica 25/9/2021 “Dal primo ottobre potranno essere eseguiti gli sfratti congelati per l’epidemia;

Torino, tremila famiglie sfrattate dal primo ottobre: finita la tregua Covid è emergenza casa”

Oppure, Il Fatto quotidiano 27/9/2021 “Caro affitti a Berlino vince il sì al referendum per l’esproprio ai colossi immobiliari: il 56% a favore.” A questi si aggiungono inchieste radiotelevisive sul tema dell’emergenza abitativa in Italia.

I titoli riportati, riprendono due casi tipo, uno Torino e l’altro Berlino, a prima vista, sembrerebbero collocarsi su due poli opposti, per le diverse caratteristiche del mercato immobiliare, precisamente, si rileva che a Torino (come nel resto dell’Italia), le tendenze storiche del mercato abitativo sono piuttosto chiare e consolidate: negli ultimi decenni si è assistito, quasi ovunque, a un progressivo passaggio dall’affitto all’acquisto della casa. Ad esempio, se nel 1951 la gran parte dei Torinesi (83,8%) viveva in un alloggio affittato (a Milano addirittura l’87,1%), tale quota si era ridotta al 64% nel 1971, al 42,1% nel 1991, al 32% nel 2001 e al 28,4% nel 2011, attestandosi a circa il 20% nell’ultimo decennio, nel mentre a Berlino si rileva che l’80% dei nuclei risiede in alloggi in locazione.

Nonostante ciò la condizione abitativa resta una variabile determinante per la qualità della vita delle classi sociali più deboli economicamente ed esposte ai processi di marginalità, in sintesi, si acutizzano le diseguaglianze sociali.

A Berlino la mobilitazione referandaria si è affermata per porre un freno al caro-affitti, che ha visto i canoni quasi raddoppiati (+85%) tra il 2007 e il 2019, a seguito della cancellazione dei provvedimenti comunali tesi a regolamentare gli affitti, incompatibile con lo status socio economico di gran parte della popolazione residente.

A Torino, tra le città con più alto numero di sfratti per morosità incolpevole, la difficoltà di accesso o ricollocazione è determinata sia dall’alto costo dell’abitare nel suo complesso che la casa incide per quasi un terzo delle spese delle famiglie, ad esempio per il 31,5%, mentre gli acquisti alimentari pesano per il 15,4%, le spese per trasporti e comunicazioni il 12,4%.

Rispetto a vent’anni fa l’abitazione rappresenta di gran lunga la voce di spesa che è più cresciuta in termini di incidenza sui budget delle famiglie. Il disagio abitativo è aggravato dalla carenza di offerta pubblica di edilizia popolare, a tal riguardo segnalo che la prima realizzazione nell’area torinese è del 1875, per i dipendenti dell’azienda Leumann; nel 1889 si registra il primo esempio torinese di “case operaie” pianificate, costruite dalla società di mutuo soccorso La Cooperante in lungo Po’ Machiavelli,  soprattutto negli anni ‘60 e ‘70 del Novecento – l’età della grande immigrazione nella Torino città-fabbrica – a seguito della mobilitazione sindacale popolare per il diritto alla casa, verranno edificate le maggiori cubature di edilizia popolare (Le Vallette 1961, Mirafiori Sud 1965) e, a seguito del Piano per l’edilizia economica del 1963, i quartieri popolari di corso Taranto (1965) e, nei primi anni Settanta, di Falchera Nuova. Negli ultimi decenni l’edificazione di case popolari si è drasticamente ridotta e si caratterizza inoltre per una maggiore articolazione degli interventi: edilizia sovvenzionata (l’ente pubblico costruisce abitazioni con contributi statali e mutui in conto capitale), agevolata (tramite agevolazioni creditizie a imprese edili), convenzionata (accordi tra enti pubblici e istituti di credito, con incentivi alle imprese costruttrici), oltre a interventi di recupero del patrimonio edilizio nell’ambito di piani di rigenerazione urbana. In Italia oggi la quota di abitazioni di edilizia popolare è pari ad appena il 3,3% degli alloggi, a Torino In base ai dati ATC risultano presenti in città 17.761 alloggi di edilizia sociale ed economico popolare. Sul totale di abitazioni presenti in Torino solo il 2,82 % risulta essere destinato ad edilizia sociale ed economico popolare. Gli alloggi assegnati risultano a tutti gli effetti 16.844 a fronte di una richiesta di 30.519 che lascia senza risposta 13.675 domande di residenza a basso costo, a ciò si evidenziano centinaia di alloggi vuoti, assegnati e non, per carenza di manutenzione (spesso ordinaria).

Cosa accomuna la crisi abitativa di Berlino con il profondo disagio abitativo di Torino, seppur in contesti profondamenti diversi? La risposta sta nella contraddizione storica dello sviluppo urbano presente nelle società a capitalismo avanzato: migliaia di alloggi vuoti con migliaia di famiglie senza casa o con gravi difficoltà a permanere. Berlino si richiede l’esproprio di 220000 alloggi vuoti di proprietà dei grandi gruppi fiinanziari speculativi, nel mentre a Torino si contabilizzano, da dati pubblicati dal documento di revisione del PRG, circa 54.000 alloggi formalmente vuoti (parte utilizzati per studenti, turismo, ecc).

 A Berlino il tentativo di risposta all’emergenza abitativa è lo strumento dell’esproprio che si fonda su un principio costituzionale, presente sostanzialmente anche nella Costituzione Italiana, precisamente il quesito referendario si appoggiava proprio sull’articolo 14 della Costituzione tedesca, che recita: “La proprietà impone degli obblighi. Il suo uso deve al tempo stesso servire al bene comune. L’espropriazione è ammissibile soltanto per il bene della collettività. Essa può avvenire solo per legge o in base ad una legge che regoli il modo e la misura dell’ indennizzo“.

In sintesi: la risoluzione della contraddizione, su citata, famiglie senza casa – case senza famiglie e risolutiva della carenza di alloggi pubblici utili al passaggio da casa a casa dei nuclei in emergenza abitativa (che è la punta di crisi di un deficit strutturale delle politiche abitative pubbliche) sta nella risposta di Berlino.

Sarebbe utile che tutte le organizzazioni sindacali, mettessero in atto una linea di apertura ad ampio raggio, con l’obiettivo della costruzione di una vasta e articolata coalizione per il diritto all’abitare che coinvolga sindacati, associazioni, movimenti, comitati locali, cosi come previsto nel deliberato congressuale dell’Unione Inquilini a chiusura del proprio congresso tenuto a Chianciano a fine settembre.

Giustino Scotto D’Aniello 

(Referente Sportello Casa – tel.371 444 2275)