Articoli categoria: Incontri

Carovane migranti in via Trivero 16 il giorno 17 ottobre 2021

IN COSA CREDIAMO CREDIAMO CHE LA LIBERTÀ DI SPOSTAMENTO NEL MONDO COSTITUISCA UN DIRITTO INALIENABILE DI OGNI ESSERE UMANO: SCEGLIERSI GLI SPAZI DELLA PROPRIA ESISTENZA DOVREBBE INFATTI ESSERE ALLA BASE DEL PRINCIPIO DI AUTODETERMINAZIONE DI OGNI INDIVIDUO. IL FATTO CHE SPESSO LE MIGRAZIONI RISULTINO DETTATE DA NECESSITÀ È EVIDENTE CONSEGUENZA DI POLITICHE GLOBALI INACCETTABILI E DISUMANE POSTE IN ESSERE DAGLI STATI E DAI POTERI ECONOMICI FORTI, POLITICHE CHE SI TRADUCONO NELLO SFRUTTAMENTO DI TERRE E VITE PER CONSEGUIRE PROFITTI.

Domenica 17 ottobre/ Lunedì 18 ottobre – via Trivero 16, Torino Due serate da Volere la Luna

Due serate imperdibili, da Volere la Luna (mailchi.mp)

Domenica 17/10 dalle 19.30,  via Trivero 16, Torino.

Vogliamo incontrarvi per restituirvi un pezzo di quello che abbiamo visto, incontrato in questi mesi; grazie al vostro aiuto ed alle cene abbiamo la possibilità di continuare a camminare insieme per rivendicare diritti per il Popolo migrante, verità e giustizia per le famiglie degli scomparsi, per combattere il sistema europeo di morte alle frontiere.

Vi aspettiamo per condividere questo momento di racconti, di lotta per nutrirci con il vostro supporto e le sfiziose pietanze preparate dai mitici Fornelli in Lotta:

MENÙ*
*alternativa vegana su richiesta

Zuppa rustica
Flan di zucca con crema di piselli
Knelle di patè di formaggio
Verdure di stagione
“Prus al vin”
Vino e caffè

Offerta minima: €20

Prenotazioni entro il 15/10 su whatsapp al +39 3494717896 o scrivendo a
carovanemigranti@gmail.com

 

Lunedì 18 ottobre ore 20.30, Libera Biblioteca Trivero.
Volere la Luna, Via Trivero 16, Torino

La Scugnizzeria è la Casa degli Scugnizzi, un luogo dove la porta è sempre aperta. 140 mq di rivoluzione in periferia, tra Scampia e Melito.
La Scugnizzeria è una moltitudine, è una bottega, un bazar, una Piazza di Spaccio Creativa.

La prima enolibreria dell’area nord di Napoli. Dove si vendono libri di case editrici indipendenti, ma anche vino locale, miele artigianale, riso, prodotti tipici artigianali, audiolibri, ebook, cd musicali e vinili e bomboniere solidali. Un luogo dove trovare oggetti creativi low cost. I nostri pusher non aspettano altro che vendere la prossima dose di creatività, orgogliosamente Made in Scampia.

 

 

 

presentazione dei libri – FIABE DEI MUTAMENTI – QUESTO NON E’ UN LIBRO SUL COVID

Presso l’associazione culturale di VOLERE LA LUNA,   in via Trivero 16 a  Torino

 sabato 16 ottobre  alle ore 10,

saranno presentati due libri illustrati da Giuliana Milia:

  • QUESTO NON È UN LIBRO SUL COVID

di Maria  Concetta Distefano, Doriana Bruni, Caterina  Pagliasso

  • FIABE DEI MUTAMENTI

di Tiziana Colussi

 

Le autrici dialogheranno con il pubblico.

 

 

La pastasciutta antifascista di Torino in Via Trivero

L’iniziativa è andata molto bene. C’erano complessivamente 60 persone (e ce ne sarebbero state di più se non avessimo, a un certo punto, messo uno stop sia per evitare un assembramento eccessivo sia per la difficoltà di sistemarci in caso di pioggia, che poi, per fortuna, non c’è stata).Il pranzo è stato gradevole e apprezzato da tutti. C’erano, tra l’altro, facce nuove e una bella rappresentanza dell’Associazione dei Sardi Antonio Gramsci con cui abbiamo stretto un rapporto di collaborazione che sta crescendo. E’ stata anche l’occasione, per chi ancora non lo aveva fatto, di visitare la mostra MONDO BABONZO (che merita davvero e che sta avendo un buon successo di pubblico).

 

Passi nella BIODIVERSITA’ E ALTRI SCENARI. Per la difesa del patrimonio ambientale dell’ ALTrA LANGA.

          Su una delle più belle colline dell’Alta Langa, molto importante sotto l’aspetto naturalistico e teatro della Resistenza e delle narrazioni fenogliane, è in corso di costruzione l’enorme insediamento del gruppo vitivinicolo Gaja. Presto, nell’ampia ferita nella parte più alta del paesaggio, sorgerà una grande cantina con le sue varie pertinenze  e nei dintorni nuovi vigneti si stanno rapidamente diffondendo.

Questo è solo l’inizio di un processo che vedrà la diffusione, anche in alta collina, della viticoltura intensiva che, con i suoi impianti e strutture,  prenderà il posto di coltivazioni tradizionali, ambienti naturali e boschi, trasformando luoghi  e paesaggi.

             L’Alta Langa, che è il nostro polmone e preziosa riserva di biodiversità, è infatti entrata nei piani di espansione di imprenditori e imprese. Una moderna corsa all’oro, e l’oro sono, appunto, i suoi spazi, i campi, la natura e il suo microclima. 

             In un tempo nel quale sono già forti gli effetti dei cambiamenti climatici, e che registra purtroppo un’ inarrestabile perdita di natura, con il consumo di suolo e di territorio, la cementificazione,  la diffusione di monocolture intensive e la crescita di varie forme di inquinamento, occorre urgentemente mettere al centro di ogni decisione la salvaguardia della biodiversità e il pieno rispetto dei parametri  della sostenibilità.  Principi, questi, che sono i fondamenti delle strategie dell’Unione Europea.

Quanto sta avvenendo in Alta Langa sembra però andare in altra direzione. Occorre, quindi, l’impegno di tutti i cittadini per chiedere alle diverse istituzioni locali programmi e azioni di attenta salvaguardia di natura, territorio, cultura e identità. 

Per questo vogliamo avviare un percorso di riflessione e di mobilitazione per tutelare l’integrità, non solo ambientale,  delle nostre alte colline, promuovendo dialogo e confronto tra cittadinanza, istituzioni e forze economiche,  per  progettare e governare insieme presente e futuro di un luogo essenziale che non può essere lasciato alle decisioni del solo libero mercato.

 

            Il futuro del pianeta è anche qui,

nelle scelte che sapremo fare per custodire il patrimonio naturale dell’Alta Langa, nella saggia gestione del suo ricco e variegato ecosistema che, oltre a essere bene collettivo, è la risorsa primaria per la qualità della vita nostra e delle prossime generazioni.

 

Domenica 4 luglio 2021

 

Ore 15,30:

Ritrovo  Area panoramica “Donna di Langa (Trezzo Tinella) str. provinciale. 230 da Benevello (Manera) verso Mango

 Ore 16,30:

CAMMINATA intorno al nuovo cantiere di Gaja. Tra natura, paesaggi, siti fenogliani, cemento e nuovi muri.

Ore 18     

Area Panoramica ALTA LANGA: IL FUTURO DEL PIANETA E’ ANCHE QUI

Ragioniamo insieme su: ambiente, cultura, identità e attività eco-sostenibili

 

Ore 19:

Conclusioni, proposte e prossime iniziative.

Iniziativa  promossa da: Collettivo Mononoke – Laboratorio Chabas  – Fiumanità –  Coordinamento Studentesco   Cinema Vekkio – La Casa Rotta eccetera

Aderiscono: Italia Nostra Alba – Forum nazionale Salviamo il Paesaggio – Movimento nazionale Stop al Consumo di Territorio –  Gruppo d’intervento Giuridico – Associazione Altritasti – Osservatorio del Paesaggio di Langhe e Roero – Comuneroero – Canale Ecologia – Camminare Lentamente – Pro Natura Piemonte

PENSIERO UNICO, DISSENSO, REPRESSIONE: CHE FARE?

Seconda parte del dibattito sui temi affrontati nel convegno del 22 aprile scorso Vedi locandina: https://volerelaluna.it/wp-content/up…

Partecipano: Maria Luisa BOCCIA Stefano ANASTASIA Annalisa CAMILLI Gad LERNER Donatella DELLA PORTA Riccardo DE VITO Luigi NOTARI Alessandra ALGOSTINO Massimo DONINI Marco PELISSERO Franco IPPOLITO Tomaso MONTANARI Grazia ZUFFA Livio PEPINOhttps://www.youtube.com/watch?v=Els05k2G2kc

Covid 19. Non confondere il termometro con la febbre

Venerdì  7 maggio dalle ore 18,30 alle 19,30

 

Partecipano Francesco Fantuzzi e Franco Motta (autori di Dentro la zona rossa, Sensibili alle foglie) e Angelo Tartaglia (autore di Clima. Lettera di un fisico al presidente del Consiglio, Edizioni Gruppo Abele). Introduce Livio Pepino

 

https://www.youtube.com/watch?v=F3IaBQR58ws

La Fabbrica del Manifesto. Il decennio rosso 1969/1979

200 visualizzazioni
Trasmesso in streaming dal vivo 18 ore fa
330 iscritti
ISCRIVITI
a cura di Luciana Castellina e Massimo Serafini (Manifestolibri, 2020). Intervengono, con Luciana Castellina: Marco Revelli, Gianni Usai, Edi Lazzi