“EPITAFFIO” DI PIERGIORGIO LONGATO

                                     Epitaffio*

                                 

                                     L’eterno riposo

                                           allo Stato ch’è nato

                                           dalla Resistenza

                                           ed ora agonizza

                                           stremato e umiliato

                                           dal dio Mercato.

                                           Riposi in pace.

                                           Una prece.

 

                                      Ei fu. Mai così immobile

                                      data la mortal deriva

                                      giace la spoglia immemore

                                      dell’epopea salvifica

                                      che democrazia portò

                                      al prezzo smisurato

                                      del sangue versato

                                      da valenti indomiti

                                      per il sommo èmpito

                                      di pace e libertà.

 

                                      Ei fu. Un dì dal Parlamento,

                                      procellosa e trepida,

                                      sgorgò d’un gran disegno

                                      la gioia e l’ansia ardita

                                      di cambiar le regole

                                      (col pensiero al regno)

                                      all’elettoral partita

                                      così d’avere un premio

                                      ch’era follia sperar …

                           

                                      Ma quali bachi ascosi

                                      tenea in sé quel premio

                                      che la Suprema Corte

                                      a raffica affossò?

                                      Premi di maggioranza,

                                      liste di nominati,

                                      artifizi ben approntati

                                      per falsar rappresentanza

                                      e piu’ vasta orma stampar

                                      imperitura sull’altar

                                      Ei fu. Poi nientemeno

                                      sull’italico stivale

                                      apparve l’uom fatale,

                                      strale a ciel sereno:

                                      è l’uovo del serpente,

                                      intriso d’arroganza,

                                      superbia e tracotanza,

                                      che a piè sospinto mente

                                      su mafie e loschi affari

                                      masson-postribolari.

                                      Eppur non tutto ei provò:

                                      la gloria ed il periglio

                                      ma non ancor l’esiglio

                                      né le sbarre assaggiò.

                                      Del Signor l’Unto ei si nomò:

                                      e l’Italia attonita

                                      e muta al nunzio restò…

                                      ma poi svariate volte

                                      nell’urna lo votò

                                      ed a Palazzo Chigi …

                                      gaudente ritornò!

                                                                      

                                      Ei fu. Nui chiniam la fronte

                                      in riva al Mare Nostrum

                                      ove di tanta speme

                                      è affondato il rantolo

                                      trascinando seco

                                      i vuoti e bolsi moniti

                                      che sempiterni calano

                                      da immeritati scranni

                                      colpevolmente avulsi

                                      dal testo fondativo

                                      che senza dubbio alcuno

                                      scolpisce nella pietra

                                      che se sul capo al naufrago

                                      l’onda s’avvolve e pesa

                                      con fraterno afflato

                                      e pietà profonda

                                      s’affrettano le prode

                                      il misero a salvar;

                                      e sia bestemmia infame

                                      la cella al salvator!

                                      Ei fu. L’anno passato

                                      a COVID imperante,

                                      quasi in un istante,

                                      è stato esautorato

                                      l’organo sovrano:

                                      con un colpo di mano?

                                      Congiura di Palazzo

                                      di un fiorentino pazzo?

                                      Cambio di potere

                                      all’ombra di un banchiere?

                                 

                                      Ci fu codardo oltraggio

                                      (al popolo votante)?

                                      O solo servo encomio

                                      (al Mercato imperante)?

                                      Ai posteri l’ardua sentenza.

                                      Usi ad obbedir tacendo

                                      chinammo nui la fronte

                                      non al Massimo Fattor

                                      ma al terrestre Miglior

                                      che da piu’ superba altezza

                                      il gregge pasce e svezza …

                                      E cadde a tanto strazio

                                      lo spirto de’ nostri tempi

                                      sì vuoti, tristi ed empi

                                      da pagar fio e dazio

                                      pei secoli a venir

                                      (cosa assai trista a dir …)

                                      Venga una man dal cielo

                                      che provvida e pietosa

                                      dalle stanche ceneri

                                      in piu’ spirabil aere

                                      l’anime nostre rechi.

*Nota.

Il linguaggio, lo stile e  -in parte – la metrica ricalcano la celebre ode manzoniana (detto piu’ volgarmente: scopiazzano):  con tutta evidenza si tratta di un escamotage, spero compreso e non irriso, per veicolare contenuti tutt’altro che goliardici o spensierati.

 

Piergiorgio Longato è tra i soci fondatori di “Volere la luna”, fino all’anno scorso  responsabile di una Biblioteca civica nell’area metropolitana torinese.  Dagli anni ’70 del secolo scorso impegnato nelle lotte ambientaliste, antinucleari e pacifiste.

Il mondo di Riccardo, Domenico Riccardo Peretti Griva magistrato e fotografo” di Daniele Frison.

Martedì 18 gennaio 2022, alle ore 21 al Cinema Massimo (Via Verdi 18 – Torino), Kublai Film, in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema e con il contributo della Film Commission Torino Piemonte e il sostegno della Fondazione Compagnia di San Paolo e del Movimento Federalista Europeo, presenta in anteprima mondiale il film “

Alla serata interverranno il regista Daniele FrisonGastone Cottino (Prof. Emerito di Giurisprudenza, Università di Torino), Dario Reteuna (Storico della fotografia), Giovanna Galante Garrone (Storica dell’arte), Roberta Basano (Resp. Fototeca, Museo Nazionale del Cinema).

Il documentario prodotto dalla Kublai Film con il Museo Nazionale del Cinema – ETD Movie S.A., è stato realizzato con il sostegno di Film Commission Torino Piemonte – Piemonte Doc Film Fund.

Il film documentario racconta una storia familiare ma anche nazionale, che parte dalle valli di Lanzo e dalla città di Torino per viaggiare in tutto il mondo. Domenico Riccardo Peretti Griva (Coassolo 1882 – Torino 1962), grande fotografo e coraggioso magistrato, è raccontato dalla nipote Giovanna Galante Garrone in dialogo con magistrati, storici del diritto, storici, esperti di fotografia e con coloro che lo hanno conosciuto, conducendo lo spettatore a comporre, attraverso le appassionate testimonianze, il ritratto di una personalità ricca di umanità e di rigore morale..

 

MERCOLEDÌ 19 GENNAIO
h. 16.00 Il mondo di Riccardo 
di D. Frison (I 2021, 78’)

DOMENICA 23 GENNAIO
h. 21.00 Il mondo di Riccardo 
di D. Frison (I 2021, 78’) 

MONTE RUBELLO

 

L’uomo di cui ogni anno a settembre a Bielmonte si celebra la festa, salendo in corteo da Margosio al Cippo di fra Dolcino per l’assemblea annuale del Centro Studi Dolciniani, entrò a far parte, nel 1291, del Movimento degli Apostoli, guidato da Gherardo Segalelli (il quale verrà poi messo al rogo il 18 luglio 1300), i cui adepti conducevano una vita all’insegna della privazione e della preghiera: fonti di reddito erano il lavoro o l’elemosina

Nel 1306 la zona attorno al Monte Rubello servì da rifugio a Fra’ Dolcino e ai suoi seguaci, che allestirono rustiche fortificazioni tentando di resistere ai loro nemici.

Nella primavera del 1307, furono sconfitti dal vescovo di Vercelli. Sul monte in occasione del sesto centenario della morte di Fra’ Dolcino (1907) fu inaugurato un obelisco di pietrame, alla cui realizzazione contribuirono  associazioni biellesi di ispirazione laica e socialista. L’obelisco fu abbattuto in epoca fascista e fu sostituito, nel 1974, da un cippo di pietra.

Domenica 19 dicembre alle 12.30, polentata in via Trivero

domenica 19 dicembre alle 12.30 faremo, una polentata in via Trivero per salutarci, farci gli auguri di buon anno nuovo e confrontarci sulle prospettive dell’associazione. Per rientrare delle spese e contribuire a finanziare i prossimi lavori abbiamo stabilito un prezzo di 20 euro a persona. Date le restrizioni per il Covid (e per doverosa prudenza) per intervenire sarà necessario il green pass e non sarà possibile superare il tetto di 50 partecipanti. Dunque è necessario prenotarsi entro mercoledì 15 telefonando a Carlo (339 1250127) o a Enzo (349 4735338). Per organizzare le cose al meglio, affrettatevi a prenotare precisando se siete carnivori, vegetariani o vegani.

 

 

Il giusto  (e gli sbagliati) di Piergiorgio Longato

Il giusto  (e gli sbagliati)

 

Il volto emaciato,

sofferto, tirato,

gli occhi che celano

dolori alleviati

 

di corpi trafitti

da insani deliri

di pieno dominio

(globale, mondiale).

 

Su monti deserti,

tra riarse pianure,

contrade remote

in paesi lontani

 

si stagliano bianchi,

accoglienti e sicuri

presìdi di vita,

rifugi di pace

 

che un “dottor cortese”

con altri sodali

dal nulla e per niente

a dimora portò.

 

Squallidi sepolcri

da sempre imbiancati

si straccian le vesti

fingendo dolore

 

di fronte alla salma

del giusto che in vita

si è speso -indefesso –

per porre rimedio

 

ai guasti prodotti

dall’orrido export

di umani diritti

con bombe e cannoni

(contractors e droni)!

 

Visioni tremende

di membra disperse,

di corpi straziati,

di campi sconvolti,

 

di occhi sbarrati,

di menti atterrite,

di folli terrori,

d’inconsci alterati,

 

di scoppi assassini,

di miasmi mortali,

di deflagrazioni,

di ferri infuocati.

 

Visioni che il giusto

ha spesso illustrato

in scuole, giornali

e interviste in tv

 

fin dall’apparire

– un velo squarciato –

di righe tremende,

pazzesche e reali

 

in cui si racconta

che in lindi locali

nettati di fresco

ingegni  “normali” (???)

 

progettano calmi

ordigni di morte

(ma sembrano giochi):

volatili verdi

 

che appena li tocchi

ti esplodono addosso

e strappano mani,

poltiglia le dita,

 

accecano sguardi,

deturpano volti,

azzoppano passi,

azzerano vite

 

di freschi virgulti

privati di un dopo

che fuggon lontano

chiedendo(si) : PERCHE’?

 

Neppure di fronte

a tali misfatti

i tristi figuri

si lascian sfuggire

 

un moto sincero

di umana pietà.

Sepolcri imbiancati!

Rétori ipocriti

 

capaci soltanto

di vuote parole,

d’inutili, tronfi

proclami fallaci.

 

Neppure la vista

di genti disperse

private del pane

ne scuote il torpore.

 

Neppure la vista

di viaggi mortali,

cammini sfinenti,

strazianti odissee.

 

Neppure la vista

dei pugni sferrati

da mani legali

guantate di bianco

 

– galloni cuciti

in marziali divise –

che picchiano duro

straccioni e pezzenti

 

di pelle brunita

che ostinatamente

si accalcano sordi

ai colpi e alle grida

 

dei cani da guardia,

feroci e solerti,

del laido fortino

avaro e razzista.

 

Fortino guarnito

di mura in cemento,

torrette di guardia,

elettrici fili e …

 

zelanti navigli

che solcano flutti

cercando barconi

ricolmi di vite

 

sovente inghiottite

da onde  impetuose

che spezzano sogni,

speranze, progetti.

 

Fortino guarnito

di carte bollate,

con tanto di firme

di capi e ministri

 

che rendono legge

scrollarsi di dosso

chi chiede straziato

di essere accolto

 

e non rigettato

nel buio del pozzo

da cui è fuggito

per rimaner vivo.

 

Il giusto non muore.

Rimane scolpito

nei tempi e nei luoghi

l’intento essenziale:

 

“Curiamo persone

– gratuitamente –

ferite da mine,

conflitti e indigenza”.

Piergiorgio Longato è tra i soci fondatori di “Volere la luna”, fino all’anno scorso  responsabile di una Biblioteca civica nell’area metropolitana torinese.  Dagli anni ’70 del secolo scorso impegnato nelle lotte ambientaliste, antinucleari e pacifiste.

Tutta una vita, sul cellulare Lino Di Gianni 26 Novembre 2017

https://comune-info.net/tutta-vita-sul-cellulare/

 

Racconti da un corso
di italiano per stranieri
[… Tutta una vita, sul cellulare. Parlano con i familiari rimasti in patria, si esercitano con le app che formano le parole con le sillabe, fanno i giochi o ascoltano musica del loro paese.
E ogni tanto si fermano vicino a qualche angolo della scuola per spedire un selfie, come per dire, come diceva Serifou, maliano, a un suo compagno di classe, ghanese:
“Qui Italia, Italia bene scuola, bene lavoro, bene ospedale. No come Africa: no soldi no lavoro”. E lui lo sa bene, per questo è venuto in Italia, per avere le cure per sua figlia che non può avere in Mali…]
Lino Di Gianni è nato a Torino, dove vive. Ha insegnato 20 anni nelle scuole elementari delle barriere operaie. Da diciassette anni insegna agli adulti di lingue e paesi diversi. Pubblicazioni: due raccolte di poesie con Feaci Edizioni e due libro di racconti:
Carlin (lotte operaie in bicicletta). Edizioni ilmiolibro.it
In Villa nel cartone Edizioni ilmiolibro.it

 

È solo calcio? No, è anche romanzo popolare di: Giorgio Barberis

Ancora non ci riesco.

È passata una settimana abbondante, ma fatico tuttora a trovare le parole giuste per dare forma e sostanza al flusso di emozioni e di pensieri esplosi con il rigore di Matteo Rubin che ha portato i Grigi in serie B. Dopo quasi mezzo secolo. Io avevo un anno quando l’Alessandria è retrocessa in terza serie, senza più risalire. Decenni passati sugli spalti del “Mocca”, da ragazzino insieme a mio padre (che la finale l’ha vista in tv) e ai miei zii (e chissà se pure in cielo si gioisce per un goal..), con gli amici negli anni del liceo, poi con mio figlio ‒ in un passaggio generazionale comune a tante famiglie “mandrogne” ‒ e, infine, in punta di piedi, in tribuna stampa, accanto alle firme storiche del giornalismo sportivo alessandrino, a curare la rubrica “Materia grigia” di Alessandrianews, con l’intento, forse troppo ambizioso, di coniugare l’amore incondizionato per la filosofia e per il meraviglioso giuoco del calcio.

Una passione forte, quella per il pallone, che non è soltanto un “gioco”, appunto, ma è anche, e soprattutto, romanzo popolare, esperienza culturale ed estetica (talora di grande intensità), senso di appartenenza, e chissà cos’altro ancora. Diceva bene Pier Paolo Pasolini in una nota intervista all’Europeo: «Il calcio è l’ultima rappresentazione sacra del nostro tempo. È rito nel fondo, anche se è evasione. Mentre altre rappresentazioni sacre, persino la messa, sono in declino, il calcio è l’unica rimastaci». Una passione fortissima pure quella per la nostra maglia, unica al mondo, grigia come i nostri autunni, e bella come sa essere la nostra città, al di là dei mugugni di chi vi abita (anche se talora giustificati).

Impossibile descrivere lo stato d’animo al momento dei rigori. A tutti i tifosi sono passati davanti anni, lustri, decenni di sofferenze. Su tutto ‒ almeno per quel che mi riguarda ‒, quell’altro 17 giugno, di quattro anni prima. La sconfitta nella finale di Firenze con il Parma e il mesto rientro in città. Temevamo che anche questa volta il fato fosse avverso. Ma aveva ragione il mio amico don Gallo, maestro di vita e mirabile prete anarchico, che citando Erri De Luca ricordava: «Invincibile non è chi sempre vince, ma chi mai si fa sbaragliare dalle sconfitte, chi mai rinuncia a battersi di nuovo». Chi continua a crederci. Chi non si fa piegare, chi non smette di lottare, di sperare, di amare, nonostante tutto. E se il calcio è metafora, siamo di fronte a una grande, grandissima lezione di vita. Don Chisciotte perde sempre, ma non si arrende mai. E poi, qualche volta, per puro caso o forse per sbaglio, vince pure…

Questa volta è toccato a noi. Gasbarro che calcia fuori l’ultimo rigore dei patavini e l’apoteosi finale. L’urlo liberatore. Corale. Bellissimo. Gli abbracci, l’invasione di campo (e pazienza se è poi arrivata una multa ingenerosa; la si salderà senza troppi patemi), la gioia che inonda le vie e le piazze di Alessandria, che per una notte sembra una città del sud traboccante di vita e di passione.

Sono andato anche io a festeggiare per le vie del centro. Ma ero disorientato. Continuavo a chiedermi se stava succedendo davvero. E ho scoperto che era una sensazione diffusa. Avevo quasi il desiderio di isolarmi, di raccogliere i pensieri, di meditare sul tempo che è passato, assaporandone ogni istante, e a immaginare il tempo che verrà. Una sensazione strana. È solo una partita di calcio, certo. Ma no, non è mai, soltanto una partita di calcio. È vita. È storia, di tutti e di ciascuno.

Io la storia la studio per passione e per mestiere. E penso a quanta vita, a quante storie si sono intrecciate sul campo e sugli spalti dello stadio Moccagatta in questo mezzo secolo. Penso alla pandemia, al tempo difficile che dobbiamo attraversare. Alla speranza di essercelo lasciato alle spalle. A come sia bello e intenso questo momento di gioia collettiva. Penso agli sforzi della società, finalmente ripagati. Al contributo decisivo di un mister vincente e di un direttore sportivo che ha davvero i Grigi nel cuore. Penso a tutti i tifosi, uniti idealmente in un grande abbraccio collettivo. Penso a chi non c’è più. A chi invece arriverà per perpetuare nel tempo questo straordinario rito laico. E penso pure a chi, legittimamente, non capisce l’amore insensato per il football, ma vive di altre passioni. Va bene tutto. L’importante ‒ credo ‒ è lasciar spazio alle emozioni, e non solo alla ragione.

A me, e a tanti come me, è capitato per ventura ciò che succedeva anche al buon Gianni Mura, inarrivabile e compianto maestro di giornalismo. Egli, con quella sua straordinaria ironia, citava spesso una bellissima frase dello scrittore iberoamericano Eduardo Galeano: «Come tutti gli uruguayani avrei voluto essere calciatore. Giocavo benissimo ma solo di notte, mentre dormivo. Durante il giorno ero il peggiore scarpone mai apparso sui campetti del mio Paese». Ma un goal, prima o poi, lo possono fare tutti…

Ora i Grigi sono in serie B ! Nuovo tessuto per la trama dei nostri sogni. Si inizia il 20 agosto. Non vediamo l’ora.

 

Paesi tuoi di Lino Di Gianni

Paesi tuoi
Di che colore sono
i pomodori nell’ orto
nel buio della notte ?
Quale buio di quale
notte ti fa attraversare
un mare, in equilibrio
instabile. Col giubbotto
di salvataggio bucato,
senza saper nuotare
Con i tuoi figli !
In quale oscurità
attraversare la montagna
coi latrati dei cani che
ti inseguono nella Storia?
Baba, mia nonna, mi raccontava
di quando i viandanti si accoglievano
con the alla menta nei bicchierini
E i pomodori rosseggiavano
nei tramonti
lGiugno 2021
Lino Di Gianni è nato a Torino, dove vive. Ha insegnato 20 anni nelle scuole elementari delle barriere operaie. Da diciassette anni insegna agli adulti di lingue e paesi diversi. Pubblicazioni: due raccolte di poesie con Feaci Edizioni e due libro di racconti:
Carlin (lotte operaie in bicicletta). Edizioni ilmiolibro.it
In Villa nel cartone Edizioni ilmiolibro.it

ll gesto di Lino di Gianni

Il gesto
Sono nato con le montagne
alle spalle e il mare davanti
la mia casa era un divano
che si chiudeva al mattino
I treni che ho visto
non avevano stazioni
qualcuno scendeva
qualcuno si perdeva
qualcuno aspettava
io scrivo dei viaggi
per quelli che si fermano
chi guarda le rose
chi pulisce qualcuno
io affitto parole
tra uno spettacolo e
l’altro
di tutti gesti imparati
col tempo m’è caro
uno facile da tenere a memoria
quello per dire ci vediamo dopo
senza mai dire quando
né dove
lasciando aperta
l’attesa
da ” Permesso di soggiorno”
di Lino Di Gianni – Feaci Edizioni

 Ode ai Migliori di Piergiorgio Longato

                                                 Ode ai Migliori

                                                   Non ti vedo

                                                   Parlamento,

                                                   non ti sento.

                                                   Sulla Carta

                                                   sei centrale

                                                   (meno male!)

                                                   ma talvolta

                                                   (forse … spesso?)

                                                   estromesso,

                                                   marginale,

                                                   in disparte

                                                   messo ad arte

                                                   da coloro

                                                   (i Signori)

                                                   che fan fuori

                                                   l’escrescenze

                                                   ritenute

                                                   sprovvedute

                                                   e c’infilano

                                                   i magliari

                                                   per affari

                                                   con l’appoggio

                                                   a dire il vero

                                                   dell’Impero

                                                   che da lungi

                                                   sovrintende

                                                   e lo pretende … 

                                                   La pretesa?

                                                   E’ presto detto:

                                                   sai chi metto

                                                   a comandare?

                                                   Un banchiere,

                                                   finanziere

                                                   assoldato

                                                   su due piedi:

                                                   ma lo vedi?

                                                   E’ il Migliore!

                                                   Un eletto

                                                   prediletto

                                                   dalla Troika,

                                                   dai Mercati

                                                   (sian lodati!).

                                                   Dal Signore

                                                   forse unto …

                                                   per l’appunto!

                                                   Quanti elogi

                                                   sui giornali

                                                   (tutti uguali):

                                                   è arrivato

                                                   il salvatore,

                                                   il fautore

                                                   di riforme

                                                   e di ristori

                                                   ancor maggiori

                                                   come chiede

                                                   con vigore

                                                   e con fervore

                                                   la congrega

                                                   dei Migliori:

                                                   prima fuori,

                                                   ora ai posti

                                                   di comando

                                                   sghignazzando

                                                   al sol pensiero

                                                   del bottino:

                                                   che destino

                                                   fortunato!

                                                   Con l’aiuto

                                                   ottenuto

                                                   (ma che dico?!)

                                                   Si è trattato

                                                   del dettato

                                                   perentorio

                                                   che ha sancito

                                                   e stabilito

                                                   che di Conti

                                                   si fa a meno

                                                  e sul treno

                                                   dei Migliori

                                                   sol piu’ maghi …

                                                   né mai paghi …!!!!

                                                   Qualche cenno

                                                   ulteriore

                                                   – fior da fiore –

                                                  

                                                   alla squadra

                                                   dei Divini

                                                   sopraffini

                                                   che dall’alto

                                                   ci accudisce

                                                   e custodisce.

                                                   Va da sé

                                                   che l’inizio

                                                   piu’ propizio

                                                   spetti al grande

                                                   decorato

                                                   e venerato

                                                   generale

                                                   degli alpini

                                                   che ai vaccini

                                                   sovrintende:

                                                   di ospedale

                                                   in ospedale

                                                   gira in tuta

                                                   tutto fiero

                                                   per l’intero

                                                   nostro suolo:

                                                   dai cannoni …

                                                   ai miei polmoni!

                                                   A seguire

                                                   nella lista

                                                   entra in pista

                                                   il tagliator

                                                   di fannulloni

                                                   che a milioni

                                                   anni or sono

                                                   impietoso

                                                   e assai iroso

                                                   insultava

                                                   con offese

                                                   a piu’ riprese.

                                                   Or li ama:

                                                   che portento

                                                   lo strumento

                                                   del potere!

                                                   Muta il volto,

                                                   non piu’ stolto

                                                   ma la faccia

                                                   – così posta –

                                                   resta tosta!!!

                                                   Nel governo

                                                   dei potenti

                                                   e dei portenti

                                                   a trattar

                                                   coi territori

                                                   rosa (!) e mori

                                                   è comparsa

                                                   un po’ a sorpresa

                                                   – mai arresa!-

                                                   la signora

                                                   che in passato

                                                   ha coniugato

                                                   senza tema:

                                                   distruzione

                                                   e istruzione

                                                   (quella pubblica

                                                   ovviamente):

                                                   non per niente

                                                   ripescata

                                                   dai Migliori

                                                   è sugli allori.

                                                   Resta dunque

                                                   il quesito

                                                   mai sopito:

                                                   nell’italico

                                                   stivale

                                                   quanto vale

                                                   il suffragio

                                                   cosiddetto

                                                   universale?

                                                   Assai poco

                                                   a quanto vedo

                                                   – e ti credo!? –

                                                   A regnare 

                                                   – non  votati –

                                                   i Mercati.

                                                   Sempre loro!

                                                   Onnipotenti,

                                                   mai contenti

                                                   -vedi Grecia-

                                                   sanguinari:

                                                   o la impari

                                                   bene o male

                                                   la lezione

                                                   che ti s’impone

                                                   o rassègnati:

                                                   sei fuori

                                                   quindi muori!

                                                   Dai miliardi

                                                   di Brussel

                                                   – grazie al ciel! –

                                         

                                                   si riparte

                                                   ma attenzione:

                                                   transizione

                                                   vuole dire

                                                   per costoro

                                                   (tutti in coro)

                                                   in sostanza

                                                   piu’ privato,

                                                   esentato

                                                   da controlli

                                                   rilevanti

                                                   e sacrosanti:

                                                   piu’ cemento,

                                                   strade e ponti

                                                   sopra i mari,

                                                   su dai monti!

                                                   Dalle Alpi

                                                   allo Stretto

                                                   il concetto

                                                  

                                                   è sempre quello:

                                                   il profitto

                                                   dritto dritto

                                                   quatto quatto

                                                   ricompare

                                                   a ben guardare

                                                   mascherato:

                                                  si scrive  “Green Deal”,

                                                   si legge piu’ PIL!!

                                                   Tutto questo

                                                   un po’ sgomento

                                                   io rammento

                                                   e ribadisco:

                                                   non ti sento

                                                   Parlamento,

                                                   né ti vedo,

                                                   offuscato e

                                                   scavalcato

                                                   dalla cricca

                                                   esclusiva

                                                   e molto schiva

                                                   dei supremi:

                                                   gli Eletti …

                                                   mai eletti!!

                                                   Ora basta!

                                                   Ridar peso

                                                   al vilipeso

                                                   organismo

                                                   assembleare

                                                   può aiutare.

                                                   Questo è quanto.

                                                   Come fare?

                                                   Ritornare

                                                   quanto prima

                                                   al sistema

                                                   senza tema

                                                   in assoluto

                                                   egualitario,

                                                   mai elitario:

                                                   il sistema

                                                   elettorale

                                                   proporzionale!

                                                   A gran voce

                                                   riasserire

                                                   e ribadire:

                                                   il sistema

                                                   elettorale

                                                   proporzionale!!

                                                  

Piergiorgio Longato è tra i soci fondatori di “Volere la luna”, fino all’anno scorso  responsabile di una Biblioteca civica nell’area metropolitana torinese.  Dagli anni ’70 del secolo scorso impegnato nelle lotte ambientaliste, antinucleari e pacifiste.